Da leggere subito

Mozart il flauto magico

“Da leggere subito. Libro oltremodo interessante e ricco di sorprese. Stile scorrevole e piacevole”

22 giugno 2018
S.M..

 

Novità editoriale – disponibilità immediata

Novità editoriale
 
disponibilità immediata su youcanprint
Luca Bianchini, Anna Trombetta Mozart, Il flauto magico
 
 
Come in ogni fiaba che si rispetti anche nel Flauto magico è possibile trovare significati assai diversi tra loro, messaggi cifrati destinati ad una marea di interpretazioni. Goethe dichiarò che l’opera è piena di «inverosimiglianze che non tutti sono in grado di apprezzare nella giusta maniera». Gli autori ricercano questa “giusta maniera” goethiana, tenendosi il più possibile vicini all’ambiente culturale dei protagonisti. La chiave di lettura più oggettiva si rifà agli avvenimenti coevi. A Vienna si percepiva nettamente un clima di sospetto e di controllo poliziesco. La monarchia temeva da un giorno all’altro qualche insurrezione. Non si parlava d’altro che di Cagliostro, il quale si era dichiarato capo degli illuminati di Baviera. Il Sant’Uffizio emanò nel 1791 il verdetto di colpevolezza e all’interno dello Stato Pontificio fu proibito a chiunque di aderire alla setta egiziana e a quella degli illuminati. In questo contesto scosso da altri eventi rivoluzionari nacque il Flauto magico. Il libro ricostruisce quel mondo, così che il lettore possa ambientarvisi e vivere le emozioni che gli spettatori avranno provato ascoltando la musica di Mozart alla fine del XVIII secolo.

danni morali e materiali

«Sono ansioso di leggere anche questo. Vuol dire che alla fine vi chiederò i danni morali e materiali per avermi privato di una bella illusione!»

Giuseppe D

una breccia ulteriore

«Complimenti per i volumi su Mozart … sono riuscito a leggere il primo quasi tutto e ti apre una ulteriore breccia nel cervello… la propaganda massonica, ecc. quante bugie ci hanno detto e ci continuano a dire !»

Roberto T.

libri che vanno assolutamente letti

«Diciamo che avete stravolto più di 30 anni di mia dedizione (profana, ma totale, quasi mistica) verso questo compositore, che la “quasi” totalità degli addetti definiva un genio inavvicinabile. Ma vi sono grato, sono due libri che vanno assolutamente letti: sono un’opera per la quale tutto il mondo musicale vi deve gratitudine»

Giovanni R.